fbpx

Storia di dimagrimento di Giulia

  • Io sono Giulia, ho 48 anni, una separazione alle spalle. Sono alta 1.60 di insicurezza e peso 80 chili.
  • Io sono Giulia e un tempo credevo che il mondo fosse nelle mie mani. Uscivo con gli amici e mi sentivo viva.
  • Io sono Giulia ed ora cerco di non disturbare nessuno perché dovrei spiegare che non riesco a svegliare la donna che è in me e che un tempo io conoscevo.
  • Io sono Giulia e mangio perché mi fa rimanere nella mia zona comfort, mi coccola, non mi giudica, mi rende serena.
  • Io sono Giulia e vivo nel nido dell’avvoltoio.
dimagrimento - storie di dimagrimento

Volevo farvi leggere queste parole di una mia cliente (ovviamente nome di fantasia) per rendervi partecipi della sua storia di dimagrimento e di ciò che giornalmente ascolto dalle persone che si presentano da me per dimagrire. L’esperienza giornaliera che vivo a fianco dei miei clienti mi rende sempre più consapevole che il dimagrimento prima di passare dal cibo deve passare dal cuore. E’ impossibile, infatti, cominciare un percorso di dimagrimento senza comprendere e far comprendere quale siano le valutazioni che si hanno di se stessi.

Si, perché noi siamo i peggiori giudici di noi stessi e come ci frustiamo noi non lo fa nessuno, raccogliamo poi gli sguardi e i giudizi altrui che però confermano quello che pensiamo noi di noi.

Se ci pensiamo attentamente consapevolizziamo che è assurdo, non credi?

Ognuno di noi ha un vissuto e un animo da “curare” ed ecco perché nel percorso Mediga ho deciso di inserire sia uno psicologo che un coach del benessere così da essere sicura di offrire la figura migliore possibile alle esigenze delle mie tante Giulie.

Una volta affrontate le paure, si comincia con l’educazione alimentare. Eh già! Perché in verità viviamo in un’epoca in cui si mangia in fretta, la prima cosa che si trova nel frigo o peggio ancora al fast food per risparmiare tempo. Il tempo… il nostro nemico numero uno! Se solo ci soffermassimo un attimo a pensare che noi siamo ciò che mangiamo, forse dedicheremmo qualche minuto in più al pranzo, alla colazione o brunch che sia.

Giulia non si amava più, doveva uscire dal nido dell’avvoltoio e noi le abbiamo restituito le ali per volare.

Anche se ci sentiamo in un baratro e lo specchio è il nostro nemico, noi possiamo tornare ad essere tutto ciò che vogliamo

 

Autore
Loredana Iandolo 
Coordinatrice Percorso Mediga

 

Io sono Giulia
Storia di dimagrimento di Giulia
Percorso Dimagrimento MEDIGA 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *